Skip to content

Grazie Ragazze!

Grazie Ragazze!

NORDMECCANICA PIACENZA – SAVINO DEL BENE VOLLEY SCANDICCI 3 a 1

 

Serie A1 Volley Femminile

3° Giornata Quarti di finale playoff scudetto

Nordmeccanica Piacenza: Sorokaite 20, Valeriano, Belien 12, Bauer 10, Leonardi (l), Marcon 10, Bianchini 10, Melandri 2, Petrucci ne, Pascucci ne, Meijeners 16, Taborelli ne, Ognjenovic 3.

 

All.: Gaspari Ass.: Saja

 

Savino Del Bene: Arias ne, Stufi 13, Alberti 12, Loda 10, Fiorin 3, Pietersen 5, Merlo (l), Scacchetti 1, Giampietri ne, Nikolova 12, Ikic 5, Rondon 5.

All.: Chiappafreddo Ass.: Azzini

 

 

Arbitri: La Micela – Zucca

 

Spettatori: 1700

 

Set: 22-25, 25-19, 25-19, 25-22 .

 

Piacenza – Non c’è sconfitta nel cuore di chi lotta e la Savino Del Bene ha chiuso questo campionato a testa alta arrendendosi solo nel quarto set a una Nordmeccanica che in gara 3 ha giocato davvero un match senza sbavature e da grande squadra. Le ragazze di Chiappafreddo hanno fatto vivere un sogno a molti appassionati di pallavolo entrando di prepotenza nell’Olimpo della pallavolo italiana. Chapeau a ragazze, staff e tifosi. Una stagione così nessuno la dimenticherà mai.

 

Il match ha inizio con una bellissima coreografia realizzata dai tanti appassionati di volley dell’hinterland fiorentino. Il Pala Banca si è, infatti, dipinto di azzurro con quasi 100 tifosi arrivati dalla Toscana per sostenere il sogno che hanno costruito le ragazze di Chiappafreddo incontro dopo incontro. In campo, però, sono state le rosa della Nordmeccanica a comandare il gioco fin dai primi scambi.

Sorokaite scalda subito il braccio e con una bella diagonale porta 2 a 0 Piacenza. Poi è Bauer a dare il primo break alla Nordmeccanica, 5 a 1. La Savino Del Bene fatica nelle azioni di contrattacco e deve aspettare gli errori di Piacenza per muovere il tabellino. Subito Pietersen al posto di Fiorin. L’olandese è la prima a passare, attacco dalla seconda: 7-9 Piacenza. La stessa Pietersen viene, però, presa di mira in difesa, Marcon & co allungano, si va al time-out tecnico col punteggio di 12 a 7. Alberti è brava a sporcare i palloni a muro e Merlo vola per contenere gli attacchi emiliani, ma sono sempre i centimetri del muro a fare la differenza. Chiappafreddo cambia regia, dentro Scacchetti. La palleggiatrice, classe ‘95, chiama subito in causa Loda che risponde presente. La Savino Del Bene torna in partita, 21 a 19 Piacenza. Pietersen mette a terra il 21 a 20. Sbaglia Sorokaite 21 a 21. Muro di Alberti 22 a 21 Scandicci. Loda usa il muro 24 a 21 Savino Del Bene, Alberti chiude con una fast perfetta: 25 a 22. Che cuore Scandicci e che cambi per Chiappafreddo, vince una partita di risiko con cambi che hanno stravolto il sestetto iniziale. 1 a 0 Scandicci.

Rimane Scacchetti in campo per Rondon nel secondo parziale.

Tanto equilibrio nell’inizio di secondo parziale. La Nordmeccanica, poi, prende il sopravvento e al time out tecnico conduce per 12 a 7. La Savino Del Bene prova la reazione nel finale di set, come nella prima frazione di gioco, ma questa volta è troppo tardi: Piacenza si impone per 25 a 18 e rimette il risultato in parità.

Sale in cattedra la pantera bulgara che inizia a graffiare, 5 a 2 Savino Del Bene.

Tiene bene in questo parziale il nostro muro, Rondon stampa Bauer 8 a 6. Alberti non sbaglia un “bove” dopo una grande battuta di Loda non trattenuta da Leonardi, 10 a 7. Le diagonali di Marcon fanno male, 10 a 8. Bauer di più, altro muro, Piacenza torna in parità. Al time-out tecnico Piacenza conduce 12 a 11. Facciamo molta fatica a passare con le bande, 13 a 11 per le emiliane. Entra Ikic per Fiorin. Ma è Loda a sbagliare una free-ball, 16 a 13 Piacenza. Le emiliane volano sul 17 a 13 giocando in maniera sublime, Meijeners sugli scudi. Doppio cambio Scacchetti-Pietersen per Rondon-Nikolova. La Savino Del Bene cerca di tenere testa, ma ora in campo c’è la vera Piacenza, quasi perfetta in ogni fondamentale. Bauer vola in cielo 22 a 16. Chiappafreddo chiude il doppio cambio ma la Nordmeccanica alza la voce: 25-19.

Nel quarto set comanda il gioco Piacenza, Ognjenovic è una perfetta regista di un parziale equilibrato solo fino al 12-12. Piacenza gioca meglio e chiude meritatamente col punteggio di: 25 a 22.

 

Se abbiamo sognato il merito è vostro. Grazie ragazze!

 

Chiappafreddo: “Abbiamo fatto 107 punti contro i 110 di Piacenza, di più non potevamo chiedere. Rimpianti? Nessuno. Hanno giocato una partita perfetta e sapevamo che erano più forti, forse potevamo fare qualcosa di più in gara 2…”