Skip to content

La Savino Del Bene contro Baku è perfetta solo un set

La Savino Del Bene contro Baku è perfetta solo un set

Buone indicazioni per il futuro

Savino Del Bene – Lokomotiv Baku 1 – 3 (23-25; 21-25; 22-25; 25-14)

 

Savino Del Bene: Federica Stufi 8, Sara Alberti 4, Sara Loda 20, Valentina Fiorin 14, Enrica Merlo (l), Bahar Toksoy 12, Alice Giampietri, Emiliya Nikolova 8, Giulia Rondon 4.

All. Bellano

Ass. Azzini

 

LOKOMOTIV BAKU: Hana Cutura 14, Kanami Danielson 2, Aneta Havlickova 23, Ozge Kirdar 2, Ayshan Abdulazimova 2, Ulker Karimova, Aleksandra Crncevic 7, Jaraslava Pencova 6, Oksana Kiselyova (L), Berit Kauffeldt 6, Yana Azimova 1. All. Salvagni.

Ass.Hernandez

 

Santa Croce – Altro test impegnativo per le ragazze di Bellano che dopo il torneo di Scabari affrontano la quotata Lokomotiv Baku.

Buona partenza della Savino Del Bene che chiude con Loda una bella parallela. Nel sestetto iniziale scelto da Bellano parte la neo arrivata Nikolova che naturalmente deve ancora trovare l'intesa con Rondon. La Lokomotiv Baku difende molto bene e rimane in scia nonostante le fast di Stufi e una bellissima pipe di Fiorin. Bellissimi colpi per una Savino Del Bene sicuramente in crescita. La condizione delle azene è migliore e riescono ad aggiudicarsi gli scambi più lunghi. Al primo time-out tecnico la Lokomotiv è avanti 12 a 8. Capitan Stufi esegue una fast perfetta, subito dopo Rondon mura su Karimova. Qualche errore di troppo e un ace che prende l'incrocio delle righe di Crncevic ridanno il break di vantaggio a Baku (18-13). Su una bella diagonale di Havlickova, Bellano chiama il time-out (21 – 17). Primo tempo di Toksoy e la Savino torna in scia (21 a 19). Una bomba di Nikolova e un muro di Fiorin regalano la parità alla Savino Del Bene (22-22). Partita e scambi di rara intensità. Un errore su un attacco di seconda di Rondon porta in vantaggio Baku, 25 a 23 il finale di set.

Equilibrio iniziale anche nel secondo set, le squadre procedono punto a punto. Poi si scatena Havlickova, la migliore in campo, e Baku allunga ancora (13 a 8). Loda dalla seconda linea scalda il braccio è il decimo punto che scuote la squadra. Anche questo set si decide punto a punto, poi ancora una volta è Havlickova a procurare il break decisivo, 25 a 21 Baku.

Parte benissimo nel terzo parziale la Savino Del Bene ancora con gli attacchi di una scatenata Loda (6 a 2).

Calo in ricezione e in difesa delle fiorentine e Baku ritorna sotto, 13 a 11. Bellano chiama time-out. Una parallela out di Nikova mette in equilibrio il terzo parziale. Il nuovo vantaggio 16 a 15 è firmato Fiorin con un muro fuori. Havlickova sfonda il muro di Stufi e porta in parità le azene che allungano ancora nel finale: 25 a 22. Baku che si è dimostrata squadra equilibrata, senza punti deboli e con una giocatrice Havlickova veramente imprendibile. Nel quarto set le fiorentine si scrollano i timori di inizio gara e giocano un grande parziale da vera squadra. Set che si conclude con il punteggio di 25 a 14.