Skip to content

La Savino Del Bene doma Il Bisonte 3 – 0

La Savino Del Bene doma Il Bisonte 3 – 0

Quarta giornata di ritorno Samsung Galaxy Cup Serie A1 Femminile di Volley

Savino Del Bene Volley: Carlini 3, Samadova ne, Bianchini 1, Da Silva 6, Di Iulio, Merlo (l), Papa ne, Mancini ne, Haak 18, Arrighetti (k) 3, Bosetti 10, Ferrara ne, De la Cruz 13.

All. Parisi  Ass. Bendandi

Il Bisonte Firenze: Sorokaite 7, Alberti 4, Bechis ne, Bonciani, Dijkema 1, Santana 12, Di Iulio C. ne, Parrocchiale (l), Pietrelli ne, Milos Prokopic 9, Tirozzi (k) 14, Ogbogu 1.

All. Caprara  Ass.Cervellin

Arbitri:  Santi – Vagni

Set: 25 – 21, 25 – 23, 25 – 20.

Spettatori: 1300

Scandicci – Vince con merito la Savino Del Bene il derby di Firenze con un secco 3 – 0. Risultato che non rispecchia fedelmente una partita molto combattuta, che Scandicci ha fatto sua solo grazie alla calma, alla tenacia e ad una grande attenzione in tutti i fondamentali.

In sintesi ha vinto la squadra che ha sbagliato meno.

Entrambe le squadre in campo iniziano il match in p1; coach Caprara utilizza subito il nuovo acquisto, la regista Dijkema, da un giorno aggregata alle compagne. Parisi si affida, invece, al consueto sestetto.

Parte sull’acceleratore la Savino Del Bene, colpisce forte la svedese Isabelle Haak: diagonale e parallela, 7 -3.

Il Bisonte cerca di avvicinarsi alzando il ritmo, Dijlkema è bravissima in sospensione ad alzare a una mano; risponde Carlini con molta imprevedibilità e con una giocata spettacolare di seconda, 12 – 10 con una schiacciata nei tre metri.

Arrighetti sale in cielo per un primo tempo spettacolare: 17 – 14. “Monster-block” di Haak su Sorokaite, 20 – 15.

Chiude il set un muro di Bosetti su Alberti, 25 – 21. Molto Bene De la Cruz col 71% in attacco e il 57% in efficienza.

Parte meglio Il Bisonte nel secondo parziale, con Dijkema che usa molto le bande: Santana in diagonale, 10 – 8.

Tirozzi è abile ad usare le mani del muro, 14 – 11 e coach Parisi chiama il time-out. Escono Carlini-Haak e al suo posto Di iulio e Bianchini.

Sul 18-14 si completa il doppio cambio; subito dopo Carlini alza per Bosetti che trova la linea in parallela, 18 – 16 Firenze.

Si procede punto a punto, bella partita combattuta e avvincente, Bosetti sfrutta il muro e trova la parità: 22 – 22. Il palazzetto di Scandicci diventa una bolgia.

Pipe di De la Cruz, 23 – 22. Esce Santana ed entra Ogbogu. Debutto nel campionato italiano per l’americana.

Sorokaite sbaglia e regala il set a Scandicci, 25 – 23.

Parziale vinto dalla squadra che ha commesso meno errori.

Firenze non si arrende, e trascinata da un’ottima Tirozzi si porta sul 5-1. Time-out Parisi. Haak  con una parallela e un pallonetto rimette Scandicci in carreggiata a -1, 10 – 9. Haak picchia forte nei tre metri: 11 -11. Altro set molto equilibrato, squadre che giocano un’ottima pallavolo alternata a errori gratuiti.

Ancora Haak chiude la diagonale, 17 – 14. sale il rendimento della regina di Svezia, nel momento più difficile del match. Il Bisonte esce dal campo, la Savino Del Bene vince meritamente il settimo derby giocato in Serie A1 su otto sfide. Chiude Haak con una diagonale 25 – 20. Chapeau.

La Savino Del Bene con questa vittoria consolida il terzo posto.

Merlo: “Mi ha emozionato molto sentire il calore del pubblico e quel coro ‘Portateci in Champions League’. I tifosi ci credono e dobbiamo farlo anche noi. Abbiamo vinto combattendo: questo era un derby difficilissimo. Eravamo in un periodo complicato e abbiamo sbagliato poco vincendo di squadra; questa è la strada giusta”.

Arrighetti:

“E’ chiaro che all’inizio si è sempre più leggere, quindi credo che un momento di flessione sia normale durante la stagione. E’ importante stringere i denti e trovare il gioco. Abbiamo avuto un momento di flessione, ma abbiamo ripreso alla grande ed è un segnale importante.

Sono contenta che mi sto trovando bene con la squadra, sto facendo un buon lavoro e credo di essere un buon capitano. Vorrei ritrovare un po’ più di numeri in campo, ma l’importante è vincere come squadra.

Conegliano va veramente forte, io credo che all’inizio dell’anno stavamo andando con una marcia in più. Questo gruppo ha le potenzialità per dare fastidio anche lassù. Abbiamo ancora margini e tempo per migliorare”.

 

Mvp: De la Cruz