Skip to content

La Savino Del Bene piega anche Modena e alza la coppa

La Savino Del Bene piega anche Modena e alza la coppa

Vittoria arrivata al tie-break

La Savino Del Bene vince il Torneo "Spirito di Squadra" in finale contro la Liu-Jo Modena al tie-break 3 a 2 (25-23, 23-25, 25-15 ,14-25, 15-13).
Premio miglior libero del torneo: Enrica Merlo
Savino Del Bene: Federica Stufi 8, Sara Alberti 2, Sara Loda 21, Valentina Fiorin 9, Judith Pietersen 2, Enrica Merlo (l), Bahar Toksoy 14, Alice Giampietri ne, Emiliya Nikolova 16, Giulia Rondon.
All. Bellano
Ass. Azzini
Liu Jo Modena: Bertone 5, Carraro ne, Gamba L (ne), Rivero ne, Heyman 17, Di Iulio 19, Folie 3, Arcangeli (l), Ferretti 2, Vick, Diouf 6, Scuka 1, Horvath 17.
All. Beltrami
Ass. Barbolini
Arbitri: Vagni e Rolla
Gubbio – E' il primo trofeo alzato in questa stagione dalla Savino Del Bene. Un torneo “Spirito di Squadra” composto solo da big del nostro campionato: Conegliano, Modena, Club Italia e dalla nuova Savino Del Bene. Cambiare 10/12 della squadra e trovare una quadratura tattica prima della fine dell'inizio del campionato era il compito di coach Bellano e il suo staff, obiettivo raggiunto con lode. Le prime prestazioni, erano altalenanti: grandi giocate seguite da errori evitabili. Niente di più normale per un roster completamente nuovo. Quello che stupisce è, invece, l'equilibrio visto in questi due giorni di Gubbio. Migliorata tantissimo ricezione e difesa, Rondon ha avuto vita più facile a capire le braccia più calde. Nella semifinale di Conegliano abbiamo potuto ammirare una super-Stufi, mentre in finale sugli scudi Loda e Nikolova. Quest'ultima dopo tre partite sembra aver trovato già una buona intesa con la palleggiatrice ex Modena. La ciliegina sulla torta è arrivato dal premio per il miglior libero ricevuto da Enrica Merlo. Sperando che il buongiorno si veda dal mattino…non rimane che dire: “Grazie ragazze”
Il ds Massimo Toccafondi: “Abbiamo giocato bene e con intensità, purtroppo non sono punti che valgono per il campionato, ma alzare una coppa in un torneo dove erano presenti squadre di vertice non si puo' nascondere che faccia piacere. Continuiamo a lavorare così!”
Nella foto: Enrica Merlo