Skip to content

La Savino Del Bene vola più in alto delle farfalle

La Savino Del Bene vola più in alto delle farfalle

Finisce 3-1 in casa contro Busto

 

PRIMA GIORNATA CAMPIONATO SERIE A1 FEMMINILE MASTERGROUP

SAVINO DAL BENE VOLLEY – UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO 3 – 1

SET: 25 – 17; 21 – 25; 30 – 28; 25 – 15

SAVINO DEL BENE VOLLEY: Stufi 16, Alberti, Loda 9, Lotti, Fiorin 9, Pietersen 2, Merlo (L), Toksoy 11, Scacchetti ne, Giampietri (L) ne, Nikolova 20, Rondon 3.

UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO: Degradi 5, Cialfi, Negretti, Fondriest 10, Hagglund 2, Papa 11, Lowe 10, Angelina 2, Yilmaz 15, Pisani 7, Poma (L).

ARBITRI: Zavater Marco, Vagni Ilaria

Pubblico: 1200 circa

La Savino Del Bene non sbaglia davanti a un palazzetto gremito e caldo come non mai. Coach Bellano si affida al sestetto provato nelle ultime partite: Nikolova opposto, regista Rondon, Fiorin e Loda di banda, Toksoy e capitan Stufi al centro con Merlo libero. Letale come sempre in attacco, la compagine fiorentina è migliorata dalle prime apparizioni soprattutto in ricezione e difesa.

Il primo punto del campionato è griffato Toksoy che mura un primo tempo di Fondriest. Poi Nikolova e Loda scaldano il braccio e la Savino Del Bene prova ad allungare (5 a 2). L'ace di Toksoy mette in allarme Mencarelli che chiama il time-out, Yamamay in difficoltà in ricezione. Reazione delle “farfalle” con Lowe ma Merlo vola su ogni pallone rendendo più facili i contrattacchi della Savino Del Bene. Al time-out tecnico le fiorentine sono avanti 12 a 8. Scandicci, grazie anche a un' ottima Fiorin, mantiene il distacco fino alla fine del set che si conclude con una stupenda pipe di Fiorin e un pallonetto chirurgico della stessa giocatrice veneta. 25 a 17. Chapeau Savino.

Nikolova porta subito avanti le padroni di casa con una bellissima diagonale, poi tocca Rondon con un attacco di seconda facendo valere tutti i suoi centimetri: 5 a 4.

Pisani con un bel primo tempo mette a terra il punto dell'8 a 8. La toscana cresce insieme a tutta la Yamamay. Al time-out tecnico le ospiti si ritrovano in vantaggio, soprattutto usando il centro e Lowe con uno splendido tocco da beach trova il 13 a 10, ovvero il massimo vantaggio delle ospiti. Entra Pietersen per Fiorin, prima apparizione per l'olandese nel nostro campionato. Cambio che trova subito i suoi frutti: 16 – 16 pari e partita equilibratissima. Loda firma il nuovo vantaggio Savino Del Bene con una bomba in diagonale. Time-out chiamato da Mencarelli e subito dopo il primo vero black-out scandiccese con una serie di errori gratuiti, Yamamay che ringrazia ritrovandosi a condurre 21 a 18. Time-out Bellano. Entra anche Lotti al posto di Loda ma è sempre Busto a condurre l'inerzia del set e vince il parziale: 25 a 21 per le ragazze di coach Mencarelli.

Nel segno dell'equilibrio anche il terzo parziale, spettacolari i recuperi difensivi di Merlo. Bellano si affida al sestetto iniziale ma le percentuali in attacco sono inferiori al primo set. Una splendida ace di Toksoy porta le fiorentine in vantaggio 12 a 11 al time-out tecnico. Le squadre procedono a braccetto punto a punto. Ancora Toksoy accende la scintilla fiorentina con due ottimi primi tempi 20 a 17. Sul 21 a 20 Savino Del Bene entra Lotti per Loda in battuta. Yamamay che riagguanta il pari. Fuori Loda per Pietersen che sbaglia un attacco in parallela regalando il vantaggio alle ospiti. Nikolova picchia forte e la Savino Del Bene si trova con la palla set, Pietersen viene murata. In campo nuovamente Loda e Fiorin. Dopo 6 palle set, l'urlo di Scandicci si alza al cielo. set conquistato trattenendo il fiato, 30 a 28. Partita non adatta ai cardiopatici. Merlo show.

Ospiti subito aggressive con Lowe, 4 a 2 con una parallela. Cresce il nostro capitano per grinta e personalità, break di 5 a 0 e fiorentine avanti 7 a 4. Murone di Rondon su Yilmaz (10 a 6), le fiorentine prendono sempre più fiducia. Stufi incredibile, delizioso pallonetto per il 14 a 8. La Savino Del Bene si scrolla tutte le paure della prima giornata e mette le ali. La partita finisce con un secco 25 a 15 grazie a una gran parallela di Loda. Migliore in campo: la Savino Del Bene.

 

 

Le parole dei protagonisti:

 

GIULIA PISANI (Yamamay): Faccio i complimenti alla Savino perchè abbiamo giocato tutti un'ottima partita. Quel punto a punto nel terzo set ha fatto la differenza ai fini del risultato. Scandicci credo sia una squadra che può togliersi delle grandi soddisfazioni, noi siamo una squadra che deve crescere e può crescere molto ma cci vorrà del tempo.  

MASSIMO BELLANO (coach Savino Del Bene): "Oggi abbiamo fatto un altro passo importante per la forma migliore, dopo gli ostacoli incontrati che a un certo punto sembravano insormontabili noi siamo stati in grado di reagire con carattere e vincere così il quarto set per me è una grande prova soprattutto a livello mentale. Questa partita dimostra che quest'anno, tutte le partite, saranno lottate e non esisteranno i 3 a 0 facili, siamo in grado di giocarcela con tutti ma lottando. Possiamo e dobbiamo migliorare nella fase d'attacco dove oggi gli errori non sono mancati, come a muro dove a un certo punto ci siamo anche innervositi. In una situazione di grande equilibrio come sarà in questa stagione la nostra forza deve essere quella di poter contare su tutte le giocatrici, tutte protagoniste e non primi attori". 

FEDERICA STUFI (Savino Del Bene): "Sicuramente nel terzo set si è decisa un po' la sorte del match. Non abbiamo espresso la nostra migliore pallavolo, purtroppo, però la vittoria fa morale. Entrambe le squadre credo abbiano peccato un po' di emozione per l'esordio e noi abbiamo avuto la fortuna di giocare in casa che ci hanno sostenuto dal primo all'ultimo minuto. Questi otto punti a muro? Sono un'eccezione per me, ma sono felicissima di averli fatti perchè so quanto possa destabilizzare ricevere un muro". 

SARA LODA (Savino Del Bene): "L'emozione ha giocato una parte importante perché la prima di campionato è sempre la prima di campionato. Nella preparazione abbiamo giocato molto bene, ma ora è tutta un'altra cosa: le squadre giocano tutte studiando le avversarie e prendere le misure è più difficile. LA nostra qualità migliore è stata la caparbietà, possiamo migliorare molto il nostro gioco. Vincere la prima è importantissimo per gli stimoli e sono felicissima per la squadra, un po' meno per quanto riguarda la mia prestazione, dobbiamo crescere!" 

MARCO MENCARELLI (Yamamay): "La miglior chiave di lettura è quella dell'emozione, si sono visti errori da entrambe le parti che non sono consoni a questo livello. Il terzo set è stato quello più equilibrato e la sconfitta ha pesato molto a livello di approccio per il quarto set. Busto deve lavorare, lo sapevamo e ne abbiamo avuto la conferma, quando si cambia molte giocatrici non è facile trovare subito i giusti meccanismi".