Skip to content

L’inizio del Volleyrò è una favola

L’inizio del Volleyrò è una favola

Grande inizio di campionato del nostro giovanile

SERIE B1: PRIMELUCI GEOLIVE CASTELVETRANO – VOLLEYRÒ CASAL DE’ PAZZI 0-3 (21-25, 16-25, 19-25).

PRIMELUCI GEOLIVE CASTELVETRANO: Patti 9, Salamone 3, Pesce 2, Agola 10, Oraghi (L), Vincenti 1, Alikaj 9, Isoldi 5, Vittorio (L). N.e.: Ferrieri. All.: Clacaterra.

VOLLEYRÒ CASAL DE’ PAZZI: Scola 7, Compierchio, Napodano (L), Pietrini 13, Ciarrocchi 7, Bartolini 9, Cecconello 2, Tanase 6, Nwakalor 16. N.e.: Mancinelli. All.:  Kantor

Il bilancio della prima giornata di campionato del Volleyrò Casal de’ Pazzi è stato più che positivo. Le tre formazioni erano all’esordio ma, nonostante il grande rinnovamento dei gruppi, hanno già mostrato segnali incoraggianti.

In Serie B1, l’Under 18 di Sandor Kantor ha battuto in trasferta la neopromossa Castelvetrano con il punteggio di 3-0 (25-21, 25-16, 25-19). Del gruppo dello scorso anno sono rimaste in quattro (Bartolini, Cecconello, Napodano e Nwakalor), ma sia chi è avanzato dalla formazione Under 16 (Pietrini, Scola e Tanase) sia i nuovi arrivi e i rientri dai prestiti (Giugovaz, Mancinelli, Compierchio e Ciarrocchi) hanno fatto presto a integrarsi nella nuova realtà di Serie B1, dando dimostrazione di valere la categoria. Il match è filato liscio senza sussulti, con il Volleyrò CDP sempre padrone della situazione e con il pieno controllo del risultato.

    “All’inizio abbiamo sbagliato l’approccio alla gara – ha detto coach Kantor – tanto che ho dovuto chiamare subito un time-out. Ci siamo parlati e ho spiegato alle ragazze di iniziare a giocare come avevamo provato in allenamento. Superato il nervosismo iniziale, abbiamo preso in mano la situazione e cambiato marcia. Per essere la prima partita dell’anno sono soddisfatto. Non è mai facile affrontare le trasferte in Sicilia, contro un’avversaria che aveva molti elementi di esperienza che avevamo sfidato anche lo scorso anno in squadre diverse. Abbiamo iniziato la stagione come avevamo finito la scorsa: in Sicilia e con una vittoria”.

È stata più sofferta la vittoria dell’Under 16 di Federico Di Toma a Frascati, in Serie B2, ma il punteggio di 3-0 (25-13, 25-22, 31-29) ha premiato il lavoro svolto in questo mese e mezzo di preparazione dalle ragazze e dal nuovo coach del Volleyrò CDP. Sono tanti i volti nuovi in questa aggiornatissima Under 16. Dalla migrazione in Under 18 è rimasto soltanto il libero titolare, Scognamillo. A completare la nuova rosa ci sono le ragazze che tanto bene hanno fatto lo scorso anno in Under 14 (Finale Nazionale giovanile e playout di Serie D) e le nuove arrivate provenienti da tutta Italia, che sono sembrate già a loro agio nei nuovi meccanismi di squadra. Ci sarà ancora da lavorare, ma i margini di miglioramento sono evidenti.

    “La prima partita di una stagione– ha affermato il tecnico Di Toma – nasconde sempre mille insidie. Abbiamo un gruppo giovanissimo e completamente rinnovato, che sta lavorando insieme da poco tempo. Per la qualità del gioco ci vorrà ancora un po’, ma ho già notato che le ragazze hanno una grande predisposizione al sacrificio. Nel terzo set abbiamo faticato, ma la squadra non ha mai perso la calma e la lucidità, riuscendo a recuperare e a vincere un parziale molto tirato. C’è ancora da lavorare sul gioco, ma vincere 3-0 in trasferta è sempre un bel segnale”.

Non ha minimamente demeritato l’Under 14 di Alessandro Giovannetti, che in questo esordio di campionato aveva forse il compito più arduo. Per una formazione Under 14 è sempre difficile disputare un campionato di Serie D, in cui le formazioni avversarie dispongono di una maturità e di un’esperienza ben superiori. A complicare i piani del tecnico del Volleyrò CDP ci si sono messi anche gli infortuni che stanno privando il coach di elementi importanti. Fatte queste premesse, va detto che la sconfitta patita in casa per 3-0 (25-17, 25-17, 25-19) contro l’ASD Roma 86 non ha lasciato l’amaro in bocca allo staff tecnico, che ha sicuramente potuto constatare, in un contesto di gara ufficiale, un potenziale notevole e la solita grande voglia di combattere da parte di un gruppo di ragazzine che faranno sudare le avversarie di turno.