Skip to content

Valentina Zago: “Amo le sfide!”

Valentina Zago: “Amo le sfide!”

La stagione sta volgendo al termine, anche se tutti a Scandicci sperano che la Savino Del Bene Volley continui a far emozionare e a far parlare di sé il più a lungo possibile. I tifosi aprono sempre il loro cuore e dispensano calorosi applausi a chi dimostra di lavorare sodo e di dare il100% per la maglia e sicuramente la grinta di Valentina Zago non è certo sfuggita a Scandicci. Nei momenti di difficoltà lei ha sempre tirato fuori tutta la cattiveria agonistica e la voglia di stupire che la contraddistinguono. In realtà la maglia numero 3 della Savino Del Bene Volley è sulle spalle di una ragazza semplice e tranquilla a cui piace vivere la propria vita in compagnia dei suoi cari ed all'insegna dei sani principi. Cerchiamo di scoprire meglio chi è Valentina Zago…

 

Dove è nata Valentina Zago e come nasce in lei la grande passione per la pallavolo?

 

"Valentina Zago nasce il 21 feebbraio 1990  a Padova ed ha iniziato a giocare a pallavolo molto presto, in seconda/terza elementare nelle giovanili della pallavolo Stra un piccolo paesino vicino a casa. Prima di giocare a pallavolo ho provato a fare nuoto, ma da subito, nonostante fossi piccola, ho capito che il gioco di squadra mi rendeva molto più contenta. Vivere le stesse emozioni, avere un obiettivo comune con le mie compagne ed amiche mi ha subito colpito e ha fatto nascere in me il desiderio di giocare a pallavolo, che di lì a poco è diventata la mia più grande passione! Da piccola mi piaceva giocare, come molte bambine avevo un sacco di le bambole, ma nella mia cameretta non mancava mai un pallone e non so quante ore ho passato a giocare contro il muro per la gioia dei miei genitori (N.d.r ride). Dopo i primi anni di minivolley, a 13-14 anni sono stata selezionata per andare a giocare a Padova nell'Under 16 e nella serie C, ovviamente, in quei due anni, erano molte di più le partite giocate con le giovanili che le apparizioni in serie C, ma da lì ho avuto la possibilità di andare a giocare a Ravenna nel Club Italia e davanti mi si è posta una decisione molto difficile. Ricordo bene quei momenti di indecisione che ogni ragazza di sedici anni, immagino avrebbe vissuto. Allontanarsi di casa lasciando i propri amici e la famiglia, da figlia unica, non era certo una passeggiata. Qui devo ringraziare i miei genitori che mi hanno sempre sostenuto e assecondato, soprattutto mia mamma(ex giocatrice di pallamano di serie A2) mi ha sostenuto e mi ha dato la forza di partire verso questa nuova avventura! A Ravenna ho fatto due anni nel Club Italia e nel frattempo ho finito la scuola. Sono tornata a casa, a Padova per giocare in serie B1 facendo il primo anno da titolare e riuscendo aa togliermi qualche soddisfazione personale. L'anno dopo sono stata acquistata dal San Casciano (sempre in B1) in cui ho vissuto due belle annate visto che eravamo tutte giocatrici molto giovani e da qui ha avuto inizio la mia carriera."

Ma Valentina Zago non è soltanto una giocatrice di pallavolo…

"Esatto! Al di fuori del Palazzetto Valentina Zago è una ragazza molto tranquilla, come tante altre ragazze. Amo stare in compagnia dei miei amici, del mio ragazzo e della mia famiglia. Ho la passione per i viaggi e per la scoperta. In questi ultimi anni ho scoperto di avere una predilezione particolare per le cose nuove. Sono sempre alla ricerca di nuove avventure e nuove esperienze. Ho iniziato a seguire dei corsi per imparare e conoscere meglio le lingue e non trovarmi in difficoltà durante i miei viaggi. Amo scoprire nuovi posti e passeggiare nella natura. Sono una figlia del mondo, in estate adoro andare al mare, ma anche visitare le città del mondo per scoprire altre culture e ampliare le mie esperienze di vita. Altra mia grande passione è il cibo, adoro mangiare!"

Cosa non può mai mancare sul tavolo di Valentina Zago?

"La cucina, come dicevo, è un'altra mia grande passione. Quando c'è da mangiare non mi tiro mai indietro, mi piace molto mangiare anche se in realtà non ho un vero e proprio piatto preferito. Tra dolce e salato scelgo sempre il salato, e credo che sulla mia tavola non possa mai mancare un bel piatto di pasta. Da buona italiana, non rinuncerei mai alla pasta. Qualsiasi forma abbia o sugo la accompagni con un bel piatto di pasta davanti sono sempre contenta!"

L'anno trascorso a Scandicci è stato un anno importante per la crescita di Valentina Zago… come giudichi il tuo percorso alla Savino Del Bene Volley?

"Quest'anno per me è stato un anno importante anche se costellato da tante difficoltà. In questa stagione Valentina Zago è maturata molto dal punto di vista sportivo. Mi ero abituata molto bene in passato, a vivere le stagioni da protagonista e sapevo che quest'anno non sarebbe stato facile. Mi sono ritrovata catapultata in una situazione del tutto diversa dove per giocare c'è stato bisogno di tanto sudore e impegno. Mi sono ritrovata a dover combattere allenamento dopo allenamento per conquistare un po' di spazio. Psicologicamente non è facile, ma la grinta, l'agonismo e la voglia di fare bene per aiutare la squadra non mi sono mai mancati e quindi sono molto contenta di aver contribuito con i miei punti in partite o momenti decisivi!"