Skip to content

Ancora tra le mani di Maja. Ognjenovic ancora alla Savino Del Bene Volley

Ancora tra le mani di Maja. Ognjenovic ancora alla Savino Del Bene Volley

Un altro anno in buone mani, ancora un anno tra le mani di Maja Ognjenovic. La Savino Del Bene Volley è lieta di annunciare che nella prossima annata sportiva la palleggiatrice serba farà ancora parte del roster della sua prima squadra.

Nell’annata 2023-2024 Maja Ognjenovic in 34 gare di Serie A1, 2 di Coppa Italia e 6 di CEV Champions League, raccogliendo un totale di 42 presenze con la Savino Del Bene Volley.

Maja è stata dunque una delle protagoniste dell’annata appena conclusa ed ora si prepara ad esserlo anche alle Olimpiadi con la maglia della Serbia, nel frattempo però la classe ’84 ha già deciso il suo futuro, accettando di affrontare la sua seconda stagione consecutiva con la Savino Del Bene Volley.

LA CARRIERA DI MAJA OGNJENOVIĆ

Nata a Zrenjanin in Serbia il 6 agosto 1984, Maja Ognjenović ha iniziato la sua carriera professionistica nella stagione 2002-2003, quando con i colori del Poštar ha preso parte al massimo campionato di Serbia e Montenegro.

Nella stagione successiva è approdata alla Stella Rossa, prestigiosa formazione di Belgrado nella quale ha militato per tre stagioni, conquistando il suo primo titolo nazionale. Al termine del periodo alla Stella Rossa, Maja ha lasciato la Serbia ed ha raggiunto un accordo con le rumene del Metal Galați, club con cui ha conquistando per due volte consecutive il massimo campionato rumeno.

La prima volta in Italia è targata 2008-2009, quando ha giocato con la maglia della Giannino Pieralisi in Serie A1. Con la formazione di Jesi, l’alzatrice serba, ha centrato il suo primo trofeo europeo, la Challenge Cup.

Dopo una sola stagione in Italia è sbarcata per la prima volta in Turchia, dove è antrata a far parte dell’Eczacıbaşı. La parentesi turca è durata un’unica annata e nel campionato successivo Ognjenović ha scelto di giocare per l’Olympiakos, formazione con la quale si è imposta nella Coppa di Grecia.

Terminata la stagione in Grecia, è tornata in Italia nel gennaio 2012, dove dopo un periodo di inattività a livello di club, ha giocato in Serie A1 con l’Universal Modena.

Ognjenović non si è fermata in Italia e dopo l’esperienza a Modena ha giocato per tre stagioni in Polonia: il primo anno con i colori dell’Impel Breslavia, il secondo e il terzo con la neopromossa Chemik Police.

Durante il periodo in Polonia, Maja ha arricchito ulteriormente il suo palmarès: vincendo due scudetti, una Coppa di Polonia ed una Supercoppa polacca.

Nel 2015-16 ha fatto ritorno in Italia, accordandosi con la River Piacenza, ma ancora una volta il suo periodo nel nostro paese si interrotto dopo una sola stagione. Nel 2016-2017 Maja è infatti tornata nelle fila delle turche dell’Eczacıbaşı, club con cui si è aggiudicata il campionato mondiale per club 2016 e la Coppa CEV 2017-18.

A due stagioni consecutive in Turchia, ha fatto seguito un’annata nella Superliga russa, dove con la Dinamo Mosca si è aggiudicata la supercoppa, la coppa e il campionato.

Nel 2019 Ognjenović è tornata in Turchia, stavolta venendo ingaggiata dal VakıfBank, con cui ha vinto la Coppa di Turchia e lo scudetto.

A seguito delle due stagioni con il VakıfBank, Maja ha fatto ritorno all’Eczacıbaşı, conquistando la CEV Cup subito nella sua prima stagione e arrivando in finale di CEV Champions League nell’annata successiva.

Nel 2023-2024 fa ritorno in Italia sposando il progetto della Savino Del Bene Volley, club con il quale affronterà anche il campionato seguente.

Oltre ad una grande carriera con i club, Maja Ognjenović può vantare di aver raggiunto traguardi importanti anche con la sua Nazionale. Ha esordito nel 2005 nella nazionale della Serbia e Montenegro, vincendo la medaglia di bronzo al campionato mondiale 2006.

Nel 2007 è entrata a far parte della nazionale serba, con la quale ha vinto tra le altre cose un mondiale e due campionati europei, oltre a piazzarsi due volte sul podio delle olimpiadi, mettendosi al collo l’argento a Rio 2016 e il bronzo a Tokyo 2020.