Skip to content

Conegliano gioca bene, Fawcett è perfetta

Conegliano gioca bene, Fawcett è perfetta

12° PARTITA DELLA SAMSUNG GEAR VOLLEY CUP

SAVINO DEL BENE VOLLEY – IMOCO VOLLEY CONEGLIANO   1-3

SAVINO DEL BENE VOLLEY: Crisanti ne, Zago 1, Havlickova 13, Da Silva 14, Loda 5, Merlo (l), Cruz 2, Giampietri ne, Scacchetti ne, Arrighetti 6, Meijners 10, Rondon (K) 2. Allenatore: Chiappafreddo

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Ortolani, Bricio 19, Malinov, Cella 7, Folie 10, Skorupa 1, Fiori (l) ne, De Gennaro (l), Danesi ne, Costagrande ne, Fawcett 23, De Kruijf 13, Barazza. Allenatore: Mazzanti

SET: 25 – 20; 22 – 25; 16 – 25; 18 – 25.

ARBITRI: Frapiccini Bruno e Feriozzi Ugo.

SPETTATORI: 1300

Scandicci – Squadra che vince non si cambia, coach Chiappafreddo si affida al collaudato 6+1: Rondon in regia, Havlickova in palleggio, Arrighetti e Da Silva al centro, in banda Meijners e Cruz con Merlo libero. Roster in ottime condizioni fatta eccezione per Crisanti ancora non recuperata al 100%.

Il sipario si apre con una fast di Arrighetti, 1 a 0. Il tulipano olandese, Meijners, griffa il 2 a 1 con una schiacciata nei 3 metri. Per due volte il muro di Scandicci ferma Conegliano, 5 a 1. Mazzanti corre ai ripari chiamando immediatamente il time-out. Adenizia Da Silva vola ancora su un attacco di Ortolani, muro numero 3 per la brasiliana. E’ sempre la dea a fermare gli attacchi delle venete, mentre il martello di Odino picchia forte: 10 a 5. Le pantere cercano di rimanere incollate al set, ma il ritmo delle scandiccesi è impressionante. Rondon smista bene il gioco, facendo muovere molto il muro di Conegliano spesso in ritardo. Infrazione a rete di Skorupa, 13 – 9. Conegliano non molla e grazie a un servizio tattico di Cella, nella zona di conflitto tra Cruz e Meijners, riesce a trovare la parità 14 a 14.  Da Silva ruggisce sotto rete vincendo un duello aereo con De Kruijf: 16 a 14. Le ospiti non mollano, Mazzanti effettua un valzer di cambi che tolgono riferimenti alla Savino. Rondon finta l’alzata al centro e poi smarca Havlickova, 21 a 19. La stessa scena si ripete sul 22 a 19. Cella cerca le mani del muro ma sbaglia, 24 a 19. E’ ancora Arrighetti con fast da manuale a chiudere il set: 25 a 20.

Bricio apre il secondo parziale con un attacco dalla seconda linea, 1 a 0. Fawcett riscalda il braccio: lungo linea, pallonetto e pipe: 5 a 2 Conegliano. Lo scambio più lungo e bello del match lo vince Scandicci e viene chiuso da Cruz dopo un gran salvataggio di Merlo, 6 a 4 Conegliano. Ace di “Flo” ed errore di Fawcett: 8 – 8. L’americana, in questo set al posto di Ortolani, è comunque la più incisiva delle ospiti. Bene anche la pratese Cella. Indifendibile un primo tempo di De Kruijf, 11 a 13. Attacco incredibile di Meijners dalla seconda linea, 15 a 15. Bricio replica all’olandese: 17 a 15. Bene Conegliano nel muro difesa. Fawcett mette la quarta: 21 a 18. Doppio cambio Scandicci: dentro Scacchetti e Zago per Rondon e Havlickova. Ma il set è timbrato Fawcett (9 punti e 75% in attacco), finisce 25 a 22 con Folie che mette a terra un primo tempo.

Terzo set con Conegliano perfetto, Scandicci s’innervosisce e sbaglia anche alcune palle facili. Le venete volano, 7 a 3. Sul 9 a 4, esce Cruz e entra Loda. Scandicci è in balia di Conegliano. Venete che sono molto meno contratte, giocano una pallavolo spettacolare. Dalla seconda linea sono spesso vincenti con Bricio che sale sugli scudi: 17 a 9. Loda cerca di rendere meno amaro il passivo di Scandicci, belle le sue parallele: 13 – 21. Set che termina con un missile di Fawcett: 25 a 16. Conegliano perfetta. C’è bisogno di alzare le percentuali in ricezione e soprattutto di dare meno certezze a Fawcett e Bricio.

Quarto parziale sempre “Born in the Usa”, Fawcett non si ferma: 4 a 0. Chiappafreddo chiama time-out. Ace di Bricio, 5 a 1. La Savino Del Bene non molla, l’urlo di Arrighetti dopo la fast del -2 è il risveglio delle padrone di casa. Tocco di seconda di Rondon ed è il -1 (7-8). Meijners raggiunge Conegliano sull' 8-8. Il turno di servizio di Cella fa male, nuovo break di 4 a 0, 12 a 8. Bricio gioca come una veterana e usa

magistralmente le mani del muro, 14 a 10. Fawcett schiaccia con campo libero: 15 a 11. Ma Bricio, De Kruijf e la nuova pantera texana Fawcett spengono le speranze di rimonta. Partita che termina col punteggio di 25 – 18. Chapeau a Conegliano, gran bella squadra.

Chiappafreddo: “Fawcett ci ha fatto male, acquisto azzeccato al 100%. Hanno rischiato tanto con i centrali, hanno cambiato tanto e hanno trovato un assetto ben equilibrato. Noi siamo stati bravi un set ma per vincere dovevamo giocare al 110%. Ora guardiamo al futuro, ci aspetta un cammino complicato ma stimolante”.

Arrighetti: “Io generalmente sono critica ma stasera non vedo tutto nero. Siamo partite molto bene. Nel nostro calo c’è molto di Conegliano. Io non vado a casa pessimista. E’ una partita che sarà importante per il nostro percorso di crescita”.