Skip to content

La Savino Del Bene insegue un sogno: la FinalFour

La Savino Del Bene insegue un sogno: la FinalFour

Casalmaggiore favorito

La squadra che si imporrà nel quarto di finale approderà alla FinalFour di Coppa Italia, programmata per il 19 e 20 marzo (domenica delle Palme) al Pala DeAndrè di Ravenna per poi affrontare la vincente di Novara-Bergamo.
Tutto in una sera, tutto in un quarto di finale, tutto in Pomì Casalmaggiore – Savino Del Bene Volley. Domani al PalaRadi (ore 20 e 30) le ragazze di coach Bellano cercheranno di entrare nella storia provando a vincere contro le Campionesse d'Italia. Mission impossible sulla carta, o quasi.
Sicuramente le fiorentine arrivano da un momento nel quale stanno giocando una bellissima pallavolo dimostrando una ritrovata convinzione. Pomì è reduce da una sconfitta contro Novara, un'altra big del campionato, evidenziando ugualmente tutto il proprio valore avendo recuperato due set alle piemontesi nonostante una giornata “grigia” di molte top players. L'imperativo come sempre è: sognare!
Roster e arbitri:
Casalmaggiore: 1 Bacchi, 3 Lloyd, 5 Sirressi, 6 Cecchetto, 7 Ferrara, 8 Gibbemeyer, 10 Cambi, 12 Piccinini, 13 Olivotto, 14 Kozuch, 15 Stevanovic, 16 Tirozzi, 18 Matuszkova. Allenatore Barbolini, vice Bolzoni.
Scandicci: 1 Arias, 2 Stufi, 3 Alberti, 4 Loda, 6 Fiorin, 7 Pietersen, 8 Merlo, 12 Scacchetti, 13 Giampietri, 14 Nikolova, 15 Ikic, 17 Rondon. Allenatore Bellano, vice Azzini.
Arbitri: Vagni – Simbari.

Dichiarazioni:

Coach Massimo Bellano: “Pomì è una squadra esperta, organizzata e compatta; ci vorrà molta pazienza nell'attaccare il loro sistema di muro/difesa e dovremo rimanere sempre attaccati al punteggio”.

Capitan Federica Stufi: “Non vedo l'ora che sia mercoledì per affrontare la gara contro Pomì, essendo una partita secca per la qualificazione penso che sarà una gara combattuta in cui il fattore emozionale sarà da utilizzare a nostro favore, andiamo a Cremona con la consapevolezza che possiamo lottare e che il campo deciderà chi si assicura il viaggio per Ravenna!”