Skip to content

Occasione playoff persa

Occasione playoff persa

La Savino Del Bene crolla sotto i colpi di Sylla

SEDICESIMA GIORNATA CAMPIONATO SERIE A1 FEMMINILE MASTERGROUP

SAVINO DEL BENE VOLLEY – FOPPAPEDRETTI BERGAMO

 

Set: 22-25; 16-25; 27-29.

SAVINO DEL BENE VOLLEY: Perinelli 2, Stufi 5, Garzaro 5, Samec Lipicer 7, Lussana,  Ruzzini (L), Muresan 12, Scacchetti, Vanzurova 8, Menghi , Vincourova  1.       All. Bellano  Ass. Azzini

 

FOPPAPEDRRETTI BERGAMO: Mori, Deesing, Loda  15, Paggi 7, Blagojevic 9, Merlo (L), Melandri 5, Radecka 3, Plak 1, Mambelli ne, Sylla 20, Tasca ne. All. Lavarini   Ass. Angelini

 

ARBITRI: Luciani Ubaldo e Longo Antonio.

NOTE – durata set: 28', 24', 30'. Per un totale di: .

 

La Savino Del Bene perde il primo scontro diretto per i playoff e si arrende di fronte ad una Foppapedretti più determinata e vogliosa dei tre punti. La vittoria quest'oggi significherebbe aggancio in classifica a Bergamo, ma l'impresa è tutt'altro che semplice. La Foppapedretti Bergamo arriva in Scandicci con la voglia di creare il vuoto in classifica. Subito grande pallavolo al Palazzetto dello Sport di Scandicci. Le due squadre si affrontano a viso aperto regalando spettacolo al pubblico, accorso numeroso per la sfida playoff. Ai colpi di Samec Lipicer e compagne risponde un'ispirata Sylla nelle fila delle bergamasche. Vanzurova di forza rompe il muro avversario e sigla il 10 a 9 per le padrone di casa. L'errore in attacco della Foppapedretti regala il 12 a 11 alla Savino che conduce al primo timeout tecnico della sfida. La Savino Del Bene tenta la fuga sfruttando la bravura in ricezione di Jole Ruzzini che riesce a opporsi alle schiacciate delle avversarie, Vanzurova di forza trova il 17 a 15. Bergamo non ci sta  e con un break di tre punti trova il primo vantaggio del set (17 a 18). Stupenda fast di Stufi e la Savino dopo il timeout chiesto da coach Bellano trova il pareggio. Altra fast di Stufi, Vincourova quest'oggi sembra contare molto sul fondamentale preferito della numero due di Scandicci, ma è ancora Bergamo a condurre i giochi. Doppio ace di Sylla e Bergamo prova la fuga (20 a 22). Muro di Paggi su Vanzurova, ma Lipicer suona subito la carica per la Savino Del Bene (21 a 23). Attacco lungo per le bergamasche e Scandicci torna a credere alla vittoria del primo set (22 a 23). Loda trova il set point, Bergamo si impone, nel primo set, per 22 a 25. Alla fine del primo set è stata premiata l'eurodeputata Simona Bonafè, tifosa della Savino Del Bene, presente per sostenere la squadra.

Il primo punto del secondo set è della Savino, vincente il colpo di Vanzurova sulle mani del muro bergamasco. Muro di Muresan e le fiorentine tentano subito la fuga (3 a 0). Ancora una volta Vanzurova, la più ispirata in questo avvio di partita, bel diagonale (4 a 2). Sylla si dimostra una vera e propria spina nel fianco per Scandicci che non riesce ad arginare i colpi della schiacciatrice di Bergamo, dopo la fuga iniziale il set torna ad essere combattuto punto a punto. Muresan ha due tentativi, il primo si infrange sul muro avversario, il secondo va a segno (9 a 7). Primo vantaggio Bergamo (11 a 12), che trova il timeout tecnico. La "Foppa" prende il largo: la Savino Del Bene perde smalto in attacco e non riesce più a trovare il parquet avversario (11 a 14). Coach Bellano corre ai ripari chiamando un timeout, ma il muro di Sylla spenge la reazione di Scandicci. Perinelli e Scacchetti in campo per Muresan e Vincourova sono le mosse di Bellano e Perinelli ripaga subito con un ottimo punto (12 a 15). Altri due errori in attacco per una Savino in difficoltà e Bergamo sale a +5. Sale in cattedra Paggi che, con due punti consecutivi, spacca il set (13 a 20). Loda sigla il 24 a 15, ma Vanzurova manda in fumo il primo set point per Bergamo. Ancora una volta Loda (25 a 16), brutto secondo set per le padrone di casa, che dopo un avvio scoppiettante hanno sofferto la reazione avversaria e hanno mollato la presa. Adesso il cammino della Savino Del Bene si complica.

E' una Savino col coltello tra i denti quella che torna in campo per la terza frazione di gioco: il set della svolta deve essere questo, ma di fronte c'è una Foppapedretti che ha voglia di chiudere i conti subito. Lo spettacolo non manca, ma il risultato è molto incerto, le due squadre procedono punto a punto. Bel primo tempo di Garzaro per il 7 a 7, Muresan la segue a ruota e la Savino torna in vantaggio. Bellissimo pallonetto di Muresan che, dopo due set sottotono, torna a fare quello che sa fare meglio (10 a 10). come nel secondo set, è Bergamo a condurre i giochi al momento del timeout tecnico (12 a 11). Bergamo scappa in modo forse decisivo: i palloni di Sylla e loda sono imprendibili per le ragazze di Scandicci e le ospiti conducono per 14 a 18. Muresan si carica la squadra sulle spalle e griffa due punti pesantissimi, la Savino torna in corsa (16 a 18) e anche il pubblico di Scandicci torna ad incitare le proprie beniamine. Bergamo sta legittimando la vittoria rispondendo colpo su colpo alla reazione rabbiosa della Savino. Muro di Muresan su Sylla e il Palazzetto di Scandicci crede sempre di più alla rimonta: 21 a 22. Loda sbaglia l'attacco e il punteggio torna in parità 22 a 22. Bellissimo scambio: Lipicer carica il colpo ben due volte, ma Merlo si supera in ricezione e recupera il pallone, Vincourova cambia parte e Muresan non perdona 23 a 22. Sylla non molla e riporta subito avanti la sua squadra (24 a 23). Loda sbaglia la battuta e il risultato dice 24 a 24, altro errore di Bergamo e la Savino con Lipicer in battuta va al set point. annullato da sylla (25 a 25). Ancora Sylla, la Savino non riesce proprio a fermarla (25 a 26), primo set point per Bergamo, ma Lipicer ristabilisce la parità. Il set sembra non finire più: 27 a 27, Muresan in battuta, Loda schiaccia, ma fuori, il punto però è assegnato a Bergamo per un contestato tocco a muro (28 a 27). Lipicer va a punto, ma dalla seconda linea e la Foppapedretti si impone 29 a 27 e si aggiudica il match per 3 a 0. Nonostante le polemiche finali, Bergamo ha legittimato la vittoria contro una Savino Del Bene mai in grado di arginare i colpi della migliore in campo: Sylla.